Ospitalità

IL CONVENTO DI SERRACAPRIOLA OGGI

 
Dopo il poderoso restauro operato tra il 1998 e il 2000, il convento è stato aperto come centro d’accoglienza e formazione all’Ofs (Ordine francescano secolare), alla Gifra (Gioventù francescana) e ai laici in genere.
 
La presenza sulla cattedra della diocesi di san Severo di mons. Michele Seccia ha creato agli inizi delle sinergie proficue con la chiesa locale: incontri di preti e apertura ai movimenti e associazioni di laici della diocesi. Vengono altresì gruppi da tutta la Puglia, dal Molise e da altre regioni.
 
La piccola fraternità è disponibile ad accogliere e a prestare ascolto, a condividere i semplici momenti della preghiera e della mensa. A mostrare i piccoli tesori che marcano la presenza di padre Pio da Pietrelcina in questo luogo: la cella, il coro, il tino della “sbornia” di vapore etilico, il giardino e la chiesa, dove per tredici mesi dovette rivolgere ardenti preghiere anche al servo di Dio padre Matteo d’Agnone.
 
Dal 2006 ha sede presso il convento di padre Pio giovane la fraternità personale dell’Ofs “Genoveffa De Troia”. Una fraternità personale riunisce persone che non sono legate dalla medesima residenza sul territorio, ma da un progetto comune accolto nel decreto di erezione. Il progetto di questa fraternità ancora agli inizi è di collaborare coi frati di Serracapriola nell’opera di accoglienza e formazione delle fraternità Ofs dell’Italia Meridionale. L’attuale ministro, fra Aldo Broccato, ha eretto canonicamente la fraternità.
 
Per prenotazioni telefonare al 0882 681049.